Non solo per individuare le inefficienze e ridurre i costi ma anche per:

Formulare budget settoriali e piani di bonifica gestionale che conducano il comparto in esame alla efficacia.

Ottimizzare l'organigramma delle risorse coinvolte con la gestione routinaria e con il processo di miglioramento.

Implementare indici settoriali di efficacia per la misura della efficienza del processo e della prestazione degli operativi. 

Il check-up, a volte, in assenza di una raccolta dati strutturata, risulta essere l'approccio ottimale ed obbligato, se lo scopo della missione non é già operativamente focalizzato, ma vago ed ampio come quello di far uscire l'azienda da una situazione di disagio, di stentata sopravivenza, detto in termini più precisi, migliorare  la competitività, l'efficienza produttiva e quindi l'efficacia aziendale.

La fase di raccolta dati consente di calarsi nello spirito della tradizione aziendale, nel suo stile di conduzione, nei rapporti fra i vari servizi, nella sua filosofia produttiva, o almeno in quella che la struttura aziendale crede sia, nella sua prassi operativa che, a volte, ha radici profonde che risalgono alla sua prima fase artigianale, etc.

Questo calarsi nella realtà tornerà molto utile in sede di rielaborazione dati e ancor più nella fase propositiva, perché consentirà di comparare la prassi in uso con i più affermati modelli utilizzati dalle primarie aziende di successo del settore. Si potranno cogliere differenze significative in positivo per evidenziarle e potenziarle ed in negativo per correggerle o rimuoverle. 

Spesse volte siamo però coinvolti settorialmente nella bonifica o riconversione di un solo comparto. Questo nulla cambia dell'approccio da noi adottato. Ci sarà sempre, in forma più circoscritta:

Una fase raccolta dati;

Una fase di rielaborazione;

Una conclusione propositiva, mirata al conseguimento degli obiettivi individuati, 

Un follow up di implementazione dei nuovi metodi e degli indici di misura dell'efficacia.

Le prime due fasi consentono, in genere, sufficiente visibilità per recuperare la cronistoria dell'evoluzione aziendale, le sedimentazioni della struttura, gli approcci adottati per la soluzione dei problemi e quant'altro di condizionante e peculiare nella filosofia aziendale.

Con questa prassi le soluzioni settoriali che noi via via proponiamo, che possono andare dalla ristrutturazione dell'intera impalcatura produttiva, a piccoli interventi di snellimento o semplici miglioramenti dei metodi o al flusso informativo, avranno sempre la tendenza a spostare la modalità produttiva in atto verso modelli consolidati di successo.

 


Michele  Gambelli
Formatore tecnico

sito:          www.microcae.com
e-mail:   
  gambelli@microcae.com 
tel. cell:   335 6890 216