La seconda delle 5 S: 
Straighten, riordinare.

Prima della cura

Dopo la cura

Il problema di questi interventi non è l'implementazione ma il mantenimento. Se con grande fatica si riesce a fare un po' d'ordine e di pulizia e poco dopo tutto ritorna come prima, o peggio di prima, è perché si è sbagliato qualcosa.

Gli errori macroscopici più frequenti, che spesse volte si sommano, sono:

L'intervento è stato pianificato da un non addetto ai lavori, ha fatto un bel esercizio di riordino slegato dalle effettive necessità degli utenti finali, una sovrastruttura inutile ed estranea al flusso del lavoro; oppure

Non si è provveduto a motivare, coinvolgere e sensibilizzare gli utenti finali. O peggio, si è calato l'intervento d'imperium pensando poi di mantenerlo con minacce di sanzioni.

Il tutto si può condensare in: Se le persone che hanno prodotto il caos iniziale ragionano esattamente come prima ed i metodi di lavoro sono rimasti invariati, a scadenza, tutto tornerà come prima o peggio di prima.

Questo non significa che si disponga solo di persone svogliate; vuol solo dire che le risorse sono demotivate. Prima di innamorarsi e sposare uno qualsiasi dei miracolosi strumenti o "modelli" alla moda, è necessario lavorare sulle persone (orientamento e motivazione). Noi eroghiamo incontri di due giorni, con il management ed i coordinatori, per migliorare la capacità di motivare le risorse umane. Vi invito a visitare questa pagina.


Michele  Gambelli
Formatore tecnico

sito:          www.microcae.com
e-mail:   
  gambelli@microcae.com 
tel. cell:   335 6890 216